CONCORSO NAZIONALE PER GIOVANI MUSICISTI

concorso musicale santa cecilia 2015S.Marco in Lamis – LaboratoriARTEFACENDO

3,4 e 5 Maggio 2015 Auditorium Teatro “P.Giannone” 

CONCORSO NAZIONALE PER GIOVANI MUSICISTI

L’Associazione di Cultura Musicale “Santa Cecilia” di San Marco in Lamis organizza dal 3 al 5 maggio la quarta edizione del Concorso Nazionale per giovani musicisti

Leggi tutto “CONCORSO NAZIONALE PER GIOVANI MUSICISTI”

San Marco in Lamis – Teatro Giannone – “A ‘mmeze lu chiane ce sta nu machenarie” 26 Dicembre ore 20.30.

machinarieSan Marco in Lamis, Teatro Giannone, 26 Dicembre. Ingresso ore 20.00.
Visto l’inaspettato successo e considerate le richieste da parte di molti di voi, il gruppo teatrale “Li Voce de Jinte” ha deciso di replicare mercoledì 26 dicembre sempre al Teatro Giannone. I biglietti saranno disponibili da domani 22 dicembre. Potete richiederli presso i Laboratori Arte Facendo (Villetta Comunale) o presso la Tabacheria Bonfitto (Corso Matteotti.

Speriamo di passare un’altra bella serata insieme. Intanto godetevi una anticipazione…

San Marco in Lamis – Teatro Giannone – “A ‘mmeze lu chiane ce sta nu machenarie” 16-17-18 Dicembre ore 20.30.

machinarieSan Marco in Lamis, Teatro Giannone, 16-17-18 Dicembre.
Domenica 16  Spettacolo: 20.30
Lunedì 17  Spettacolo: 20.30
Martedì 18  Spettacolo: 20.30

La prima commedia del Gruppo Teatrale “Li voce de jinte”

“Con questa commedia entreremo nella mente di Dio”. Sono molto tentato nel presentare la prima commedia del Gruppo Teatrale “Li voce de jinte” in questo modo.

“Nu machenarie” che darà spunto a parecchie interpretazioni (e forse polemiche) per dimostrare che esiste la Teoria del Tutto, la quale spiegherebbe il perché di tante cose; in primis: la nostra esistenza!

In questa storia si parla della vita, del destino, del caso, dell’eternità, dell’anima, della coscienza, e soprattutto del libero arbitrio: una commedia che comprende tutte le altre finora scritte da me.

La commedia è in due atti: nel primo si ride, poiché le situazioni nelle quali rimarranno coinvolti i personaggi della storia sono talmente paradossali che soltanto nel secondo atto riusciranno a trovare una via d’uscita.

Nel secondo atto si ride di meno: gli stessi personaggi del primo atto, saranno costretti a prendere una decisione che deciderà il futuro della loro vita, non solo: ma decideranno se vorranno conoscere la Verità Ultima e conoscerla Per Sempre.

Cosa possiamo dire della storia “dellu machenarie”? Possiamo solo dire che ad un certo punto nel nostro paese un imbonitore  arriva con una macchina straordinaria con la quale è capace di cambiare la vita di tutti gli avventori. Ma come sempre non tutto quello che si vede rispecchia la realtà. Infatti questa macchina straordinaria non è quello che sembra, ma è un qualcosa che i clienti dell’imbonitore, riusciranno a capire in un secondo momento, quando saranno costretti a fare una scelta ben precisa…Fermiamoci qui con la storia. Oppure, ve la racconto nel seguente modo:

PRIMO ATTO.

Necessità Ragione Posposizione Relazione…

“Avvucenateve crestiane, avvucenateve. V’eje purtate ‘stu machenarie che jè state ‘mmentate all’Amereca…” Inizia in questo modo la storia che cambierà il Destino dell’Umanità: un imbonitore vi proporrà un qualcosa di diverso dal solito.

Modello e archetipo sconosciuto…

“Ajutateme, ajutateme, faciteme ascì da qua inte, mo m’appicce. Non vede nente chiù, fuite crestiane, fuite…” Non conoscere il modo in cui usare questa macchina straordinaria potrebbe essere pericoloso.

Specchio segreto visore delle anime…

“Non è che me more! Jenne che sparische da nu mumente all’atu! Se tatucce retorna ‘nderete a quanne jeva gione, a quanne ancora non ce spusava cu mammuccia, i’ come facce a nasce?” Passato e futuro insieme per dare seguito alla vita.

Eternità convinzione di tempo

“E a me chi me lu dice chia sonne, che inte la trippa mia ce stanne tre crestiane. Mo che lu sape mugghierema non sacce come ne l’eja fa capì, che ja magnà tre vote, m’eja cucà tre vote, e pure cacche javeta cosa ja fa tre vote…” Quando si esagera, tornare indietro è impossibile. Per gli uomini.

SECONDO ATTO

Porte spalancate generoso padrone accogliente padre

“Madonna quante ne site, non penzava che jevata sta tutte qua, ce sta pure lu zite mia?” Sorpresa!! A volte nella vita si incontra… chi non c’è più.

Ab eterno

“Mo, june alla vota ascite da quedda via e non ve preoccupate se quanne state fore non capite nente, è preste pe capì. C’è sta na vita ‘nnante…”

Ho voluto raccontare in questo modo la storia “dellu machenarie”, un modo poco comprensibile ai più (non si può raccontare tutto). È quasi una commedia gnostica, dedicata a coloro che conoscono la “dottrina della salvezza tramite la conoscenza”. (Io non la conosco, lo dico subito!)

Sarà un racconto molto fantastico, che sfiderà i concetti di spazio e di tempo, cercando di ricreare l’atmosfera di quando si raccontavano “li cunte antiche”. Da sottolineare il finale di commedia: conviene vedere la commedia dal vivo, o se siete impossibilitati, fatevi descrivere da chi la vedrà, nei minimi particolari l’ultima (s)cena.

L’appuntamento è per il 16-17-18 dicembre 2012 presso Teatro Giannone ore 20,30

Prevendite: Tabacchino “Vicchiacone” – Tabacchino Canzio, via Roma – Arte Facendo e presso i componenti del gruppo.

Parte dell’incasso sarà devoluto in beneficenza all’associazione Viva la Vita Onlus Puglia(pazienti affetti da sclerosi multipla e malattie neurodegenerative).

Personaggi e interpreti

Lu padrone dellu machenarie                                          Mario Ciro Ciavarella

Nu cliente                                                                      Mario Iannacone

La mugghiere dellu cliente                                               Lina Rita Leggieri

Lu vecchie dell’Opera Pia                                                Nazario Toperoso

Li gemelle                                                                       Fabio Ceddia e Michele Nota

La monneca vecchia                                                        Stefania Lombardi

La monneca ggiona                                                          Angela Tolfa

La monneca menenna                                                      Michela Nardella

Rasoterra vecchie                                                             Sebastiano Leone

Rasoterra ggione                                                               Antonio Francavilla

N’atu padrone dellu machenarie                                         Filomena Mimmo

Regia  Mario Ciro Ciavarella

Scenografia: Angelo Gualano, Antongiulio Ciavarella, Giorgio Tenace.

Costumista: Rosanna Sabatino.

Audio ed effetti “spaziali”: Felice Nardella.

(MARIO CIRO CIAVARELLA)

“Mo’l’estate Gargano” – YO YO MUNDI in concerto – 4 MAGGIO

Associazione culturale Mo’l’estate e Laboratori Artefacendo 
con Slow Food (Foggia e Monti Dauni) e Forno Sammarco
presentano
Mo’l’estate Gargano – Festival di arte varia XIX edizione
YO YO MUNDI in concerto
e Mille Orti in Africa proiezione di : “1.000 Orti in Africa” (di 8 min.) e “Terra Madre” (di 4 min).

VENERDÌ 4 MAGGIO 2012 ORE 21.00
TEATRO DEL GIANNONE – SAN MARCO IN LAMIS
INGRESSO 10€

info: 347.4687088 – 329.3620650 Leggi tutto ““Mo’l’estate Gargano” – YO YO MUNDI in concerto – 4 MAGGIO”

Teatro “Giannone” – Seminario “Lo Stato Siamo Noi” – 18 Aprile ore 16.00

San Marco in Lamis, Teatro “Giannone” 18 Aprile ore 16.00.

“La legalità è un concetto che ha bisogno di eroi per essere spiegato ai giovani.”

Per questo, nell’ambito del progetto “S.o.S. Legalità”, realizzato con il sostegno della “Fondazione con il sud” nei comuni di San Marco in Lamis, San Giovanni Rotondo e Rignano Garganico, il 18 aprile si svolgerà un incontro di sensibilizzazione sul tema della legalità.

L’appuntamento, ospitato nell’Auditorium dell’Istituto “Giannone” di San Marco in Lamis, ricordando l’azione e Leggi tutto “Teatro “Giannone” – Seminario “Lo Stato Siamo Noi” – 18 Aprile ore 16.00″